Il periodo del Natale

pupazzo neve E’ strano pensare a come passavo i Natali della mia infanzia. Erano fantastici, mi ricordo ancora il giorno della vigilia, tutti seduti a tavola a mangiare il pesce che aveva preparato il nonno; la tavola, era stupenda, con la tovaglia rossa a disegnini dorati, le candele su quei magnifici candelabri blu e argento, i bicchieri di cristallo… e poi c’erano loro: i genitori e i nonni. La sera il nonno andava sul tetto, e mi lanciava giù i cioccolatini, fingendo di essere Babbo Natale. Poco dopo i miei genitori mi dicevano di correre a letto, perchè sennò Babbo Natale non sarebbe venuto. La mattina di Natale mi svegliavo e correvo subito in sala a guardare sotto l’albero: lì trovavo sempre tanti regali. Allora papà mi faceva sedere sul divano in mezzo a tutti i regali e mi faceva le foto. Ed ecco il momento tanto atteso, l’apertura dei regali!
Era bellissimo, la sorpresa nel vedere quel che mi avevano regalato e cominciare a giocare subito isolandosi da tutto e da tutti. Poi il pranzo: mangiavamo sempre tortellini, lasagne e manzo; il dolce era sempre quello di tutti gli anni, il tronchetto. Dopo pranzo ritornavo a giocare e continuavo fino a sera. Il giorno dopo, S. Stefano, ci si ritrovava con zii e cugini e ci si scambiavano i regali, poi la maggior parte delle volte si guardavano foto e filmati di quando io e i miei cugini non erano ancora nati. Però adesso tutto è cambiato, i nonni non fingono più di essere Babbo Natale e la Befana; i miei genitori comprano i miei regali mentre sono con loro; tutti i giochi che facevamo insieme non si fanno più, tutte le foto che scattava papà, non le scatta più e a me tutto questo manca. Non pensavo che diventare grande sarebbe stato così: vorrei tornare indietro nel tempo e rivivere ancora milioni di volte tutta la mia infanzia. Adesso che il Natale è cambiato, vorrei tanto che le cose tornassero come una volta, non desidero più crescere: questa età è magnifica e so che quanto più cresco, tanto più tutto cambia e non mi piace. Anche se ho già tredici anni mi sento ancora una bambina e mi piace ancora guardare cartoni come Bambi e Cenerentola, comprare Barbie di tutti i tipi… E ora, ripensando al Natale, capisco che sto crescendo e non c’è nulla che lo possa evitare.

Michelle Cassanelli 3A

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Il Natale si avvicina

Il Natale si avvicina,

se lo cerchi è già in cucina

sul divano, nel tuo letto

e anche dentro l’armadietto.

Il Natale si avvicina,

è in soffitta ed in cantina

e portando dolci suoni

rende tutti i bimbi buoni.

Prepariamo tutto con grande attenzione,

e sistemiamo con precisione.

Anche se l’attesa sembra non finire,

il Natale si avvicina e vi farà gioire!

Odore di mandarini, abeti e cioccolata

il Natale si avvicina e ogni stanza è decorata!!!

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Una buffa tradizione natalizia

Ogni anno, l’otto dicembre la mia famiglia ed io addobbiamo l’albero di Natale. Lo riempiamo di palline natalizie rosse, blu e argentate, opache e lucide, grandi e piccole. L’albero è alto più o meno come me (1,50). Oltre alle palline attacchiamo delle formine di legno e, sulla punta, mettiamo una stella. Alla fine aggiungiamo delle lucine blu che si accendono ad intermittenza. Fin qui il nostro albero è normale, la cosa strana è che lo facciamo sempre a testa in giù, attaccandolo al soffitto. Questa idea ci è venuta in mente tre anni fa, quando abbiamo preso una gattina, Milla, che giocava con tutto, quindi, per evitare che rompesse l’albero, abbiamo pensato di farlo così: da allora è diventata una nostra tradizione. Forse questo metodo è un po’ buffo, ma era l’unico modo per far smettere a Milla di litigare con le palline!!!

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Semifreddo al torrone

Ecco una semplicissima ricettina, ma di sicuro e collaudato effetto,  per le feste natalizie! Servono:

  • 400 g di panna da montare;
  • 200 g di torrone bianco;
  • 100 g di zucchero;
  • cioccolato fondente fuso con del burro, zucchero e 2 cucchiai d’acqua;
  • a piacere scaglie di cocco.

Montare panna e zucchero; incorporare il torrone finemente tritato e mettere in uno stampo unico o in piccoli stampi (tipo da crem caramel). Tenere in freezer per almeno 4 ore… servire guarnendo con la salsa al cioccolato e le scaglie di cocco.

Buon dessert a tutti! Silvia  🙂

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...