The future is in your hands

Quest’anno l’argomento trasversale  comune a tutto l’IC Monte San Pietro ha come tema il “corpo”: nelle scienze il corpo umano diventa oggetto di studio in tutti i suoi  sensi e da qui prende forma l’idea di costruire una mano artificiale capace di vedere e sentire oltre tutte le barriere; una mano comandata da un guanto che può farle riprodurre i movimenti (la mano è realizzata con oggetti di recupero e materiale Arduino) e sulla quale è montato un sensore che, oltre a riconoscere i colori, li abbina a messaggi emozionali descritti dalla voce degli studenti anche in varie lingue.  

La mano è una parte del corpo che usiamo quotidianamente e senza rendercene conto, ma costruirla dall’inizio non è cosa da poco. Per questo abbiamo dovuto chiedere l’aiuto dell’ingegnere Bruno Zardini che si rende sempre disponibile per sostenere le attività STEM del nostro istituto. 

Abbiamo preso una lastra di polistirene, l’abbiamo ritagliata in modo da formare un palmo e delle falangi. In seguito abbiamo assemblato i pezzi formando una vera e propria mano, attaccando anche un braccio ottenuto da un tubo di spugna a cellula chiusa, come quelli che si usano in piscina. Per muovere le dita, dentro di esse abbiamo inserito delle molle. Poi, abbiamo posizionato dei piccoli motori nel palmo collegandoli alle molle e, tramite Arduino, li abbiamo programmati in modo che la mano possa essere pilotata da un guanto esterno.

Dal punto di vista umanistico abbiamo pensato ai possibili utilizzi di questa mano robotica: ad esempio come aiuto per i non vedenti, programmandola in modo che possa riconoscere i colori. Abbiamo descritto ogni colore con poesie che rivelano sentimenti ed emozioni ad esso collegati e che vengono pronunciate da un altoparlante quando il sensore riconosce il  colore corrispondente. Per l’aspetto artistico invece abbiamo creato dei gilet di stampo futurista, usando cartoncini colorati.

In sostanza, questo lavoro interdisciplinare è stato un modo particolarmente divertente di aprirsi al mondo della robotica, ha stimolato la riflessione su argomenti etici come il rapporto uomo-macchina.

La mano robotica è stata infine presentata alla manifestazione “School maker day 2018” dandoci l’opportunità di metterci in gioco e provare nuove emozioni che riportiamo qui sotto:

The future is in your hands

La classe 3A a.s. 2017/2018

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

RadioAttiva 2.0

Questa è la radio degli studenti dell’IC Monte San Pietro, interviste, podcast e approfondimenti anche in lingua straniera. Stay tuned!!

Basta cliccare sul link e sarete subito sintonizzati su RadioAttiva 2.0

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Progetto teatro: Ciak…Si gira!

Quest’anno la “faccenda” é stata piú complicata rispetto agli altri laboratori teatrali: il copione non era già stato preparato dal nostro regista Corrado, ma dovevamo scriverlo tutto insieme, alunni, regista e insegnante! Una delle tante cose da fare era raccogliere delle testimonianze che ci consentissero di scoprire altri aspetti della parola “Libertà”. Prima abbiamo intervistato una partigiana e grazie alle sue parole abbiamo capito com’era vivere in quei tempi, cosa significava patire la fame e vivere ogni giorno con la paura di essere uccisi. Le abbiamo domandato quali erano all’epoca i suoi sogni, i suoi desideri, quello che avrebbe desiderato fare da adulta e qual era la sua idea di Libertà.
Poi abbiamo intervistato una donna manager , Valentina Marchesini, che ci ha fatto capire le difficoltà che ha affrontato per fare carriera, quali erano i suoi sogni da ragazza, ci ha spiegato qual è il suo concetto di Libertà e come i suoi genitori abbiano influenzato le sue scelte. Per l’intervista a Valentina Marchesini clicca qui.
Un’esperienza veramente costruttiva, toccante e divertente!

Lavoro eseguito da: Teresa, Desirée, Riccardo, Manuele

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Progetto teatro: ciak, si gira…. alla Marchesini group

Il 27/02/18 la nostra classe (3B) è andata in visita alla Marchesini Group di Pianoro, per intervistare Valentina Marchesini, che ci ha messo a disposizione un pullman privato per raggiungere l’azienda. Abbiamo avuto questa opportunità grazie al progetto teatrale che abbiamo seguito per questi 3 anni di scuola media, che quest’anno ha come tema principale la libertà declinata al femminile. Abbiamo anche visitato l’azienda e i lavori che si svolgono al suo interno, inoltre ci hanno anche spiegato come vengono trattati i dipendenti. In questo articolo abbiamo spiegato che lavori si svolgono nella ditta e i privilegi che i dipendenti hanno.

La Marchesini group viene fondata nel 1974 a Pianoro, nel cuore di quella che è chiamata la packaging valley bolognese; forte di un’esperienza ultraquarantennale fornisce soluzioni, anche avanzate, ad aziende farmaceutiche (tra i nomi noti GSK, Novartis, Sanofi Aventis, Wyeth, Novartis, BMS e Pfizer), cosmetiche (L’Oréal, Procter&Gambl, Dior Parfum, Guerlain Paris e Yves Saint Laurent Beauté) della cosmoceutica, settore in continua evoluzione.
Tra le aziende del gruppo ricordiamo la principale: Neri a Barberino di Mugello. Negli ultimi tempi Marchesini Group è balzata agli onori delle cronache.
Benessere dei dipendenti: La “Marchesini Group” ha come base del funzionamento della sua azienda il benessere dei suoi dipendenti, per creare un ambiente sano e dove vi si può lavorare con serenità. L’azienda per fare tutto ciò dispone anche di servizio di mensa interna take-away, che consiste nel poter prenotare il proprio pasto da portare a casa ad un prezzo molto vantaggioso, così da far risparmiare soldi e tempo ai dipendenti.
Confezionamento macchine e prodotti: Per la produzione di farmaci in forma liquida l‟offerta del Gruppo prevede un range di macchine e linee complete che vanno dal riempimento alla pallettizzazione per trattare flaconi, bottiglie, fiale, cartridge e siringhe monouso. Nel confezionamento primario si producono: macchine lavatrici, macchine soffiatrici e tavoli soffianti, tunnel di sterilizzazione, riempitrici lineari e rotative, macchine infialatrici, riempitrici/chiuditrici per siringhe. Per il confezionamento secondario l‟offerta prosegue con le etichettatrici astinatrici, le macchine per applicare Safety Device, le confezionatrici per cassonetti sia in cartone che materiali termoplastici, le astucciatrici e tutte le macchine per il fine linea: fardellatrici, casepacker e pallettizzatori. Tutte le riempitrici, costruite con le più moderne tecnologie, vengono equipaggiate con diversi gruppi di riempimento a seconda del prodotto da trattare, e sono sia in versione monoblocco che per operazioni separate. Sono provviste di tutti i dispositivi CIP/SIP per la pulizia e la decontaminazione, per l‟IPC, e sono rispondenti a tutte le normative cGMP. Il vasto range di modelli disponibili, la velocità dei cambi di formato ed i gruppi di dosaggio smontabili in modo facile e veloce sono caratteristiche integranti di tutte le macchine prodotte. il Gruppo Marchesini è presente sul mercato con linee per trattare prodotti solidi e polveri in diversi tipi di confezionatrici: intubettatrici per compresse effervescenti in tubi rigidi, linee di confezionamento per strip, confezionatrici per polveri e granuli, sia in sachet che stickpack. Nel settore della produzione di creme, gel, mascara ed altri prodotti cosmetici, la gamma di macchine e linee offerte dal Gruppo è completa: intubettatrici, riempitrici/tappatrici per vasetti, riempitrici/chiuditrici per mascara, imbustinatrici verticali ed orizzontali per sachet e stickpack. Fine Linea
Marchesini Group ribadisce la sua forza come fornitore di linee per il packaging secondario, con una gamma infinita di etichettatrici, astucciatrici, fardellatrici, incartonatrici e sistemi di pallettizzazione, equipaggiati con una altrettanto infinita varietà di gruppi di alimentazione, per tutti i prodotti farmaceutici e cosmetici.

Macchine: L’azienda produce macchine per il condizionamento due farmaceutici,loro producono macchina su richiesta,il cliente chiede una macchina e loro la producono con tutte le misure e le richieste che gli vengono fornite e con tutti i pezzi. Le macchine alla fine della costruzione vengono tutte quante provate e si controlla se ogni singolo pezzo di quella macchina che si sta testando il funzionamento regolare se svolge normalmente tutte le funzioni. Quando si è provato che la macchina funzioni correttamente si consegna al cliente.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Una compilation di Video-Ricette

Noi ragazzi di 2°F abbiamo creato delle “video-ricette”: mentre preparavamo un piatto da noi scelto dovevamo illustrare ingredienti e procedimenti in inglese.
Alcune persone hanno svolto questo compito da soli, altri invece in gruppo o in coppia.
Questo lavoro ci è stato assegnato dalla Prof. Gentile con l’obiettivo di studiare i verbi e capire il lessico relativo al cibo in modo divertente.
Questo progetto mi ha divertito molto e l’ho trovato molto utile perché ho imparato nuovi vocaboli relativi alla nutrizione e anche perché ho potuto lavorare assieme ad altri miei compagni.
Buona visione da Martin Taddia e Roberto Vittone!

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...