Una giornata con Roald Dahl

Un flash mob con un passa mano dei libri di Roald Dahl, dalla scuola alla biblioteca. Abbiamo coinvolto la fabbrica Majani di Crespellano (Bologna) perché ci fornisca dei cioccolatini da distribuire e, come nella “Fabbrica di cioccolato”, ci sarà un biglietto d’oro, chi lo troverà fra i 600 alunni partecipanti, farà vincere alla propria classe la visita… alla fabbrica di cioccolato della Majani.

IMG_0284Una vera e propria avventura nel fantastico mondo di Roald Dahl, un’esperienza davvero unica poter immedesimarsi nei personaggi dei suoi più famosi libri. Creare una catena di giovani lettori tra la scuola, il luogo nel quale stiamo imparando tanto, e la biblioteca, il luogo nel quale ci siamo potuti immergere in un abisso di pagine e parole: è stato un viaggio veramente emozionante!!!    FullSizeRenderAsia Romagnoli e Ginevra Guerzoni

IMG_0265 IMG_0304WhatsApp Image 2016-10-25 at 15.20.25IMG_0234

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Concerto di fine anno scolastico della sezione musicale e Tempi Dispari Ensemble

Serata perfetta“: questo in estrema sintesi il giudizio sull’esibizione dei ragazzi di prima, seconda e terza media ed ex alunni dell’I.C. di Monte San Pietro, i TempiDispari Ensemble”, nel concerto di fine anno scolastico ali Bologna.

I nostri musicisti, anche i più “piccoli”, hanno affrontato il palco con grande capacità, serietà e la giusta emozione dei momenti importanti, regalandoci sensazioni indimenticabili.

Grande e graditissima sorpresa della serata la presenza affettuosa di Gianni Morandi che ha avuto parole di vivo apprezzamento per i nostri ragazzi e di incoraggiamento a proseguire il loro impegno nella musica.

Un ringraziamento particolare va ai professori Paola Borganti, Silvia Manca, Lorenzo Ciavattini, Mario Serio, Alan Selva e Carlo Sparano per la professionalità, l’impegno e l’affetto con cui preparano e accompagnano i nostri ragazzi in questo bellissimo e prezioso percorso, alla prof.ssa Fulvia Spatafora, impeccabile e allo stesso tempo partecipe, conduttrice della serata; al sindaco di Monte San Pietro Dott. Stefano Rizzoli, la cui costante presenza alle iniziative musicali della scuola testimonia il riconoscimento e l’apprezzamento a ragazzi e professori e la condivisione dei valori sottostanti a questo percorso di formazione musicale; alla Dirigente, Dott.ssa Calanchini Monti, che non perde occasione per incoraggiare, sostenere e assecondare l’attività musicale nel nostro Istituto Comprensivo, contribuendo a farne uno dei tanti elementi di qualità che la contraddistinguono e ne fanno una scuola d’eccellenza.

Infine un grazie di cuore a tutti i genitori degli alunni ed ex-alunni della sezione musicale, il cui sostegno alimenta e dà forza a tutto questo.

Per il Comitato Genitori

Il Presidente

Sandra Barozzi

Morandi e 2E

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Vita da cani – recensione del film (Part two)

Disgrazia e fortuna, furbizia e ingenuità, malinconia, amore, balli, capriole, calci e schiaffi, poliziotti, una bombetta e… un cane!
Tutto questo rappresenta il film di Charlie ChaplinVita da cani“, uscito nel 1918, con Edna Purvince, Tom Wilson, e lo stesso regista Charlie Chaplin, che interpreta il famoso personaggio di Charlot.
Come indumenti in una lavatrice, i fatti si susseguono nel film veloci e inaspettati. La storia è ambientata in America nel primo dopoguerra.

Chaplin è un vagabondo che vive in una piccola discarica e compie numerosi furtarelli per sopravvivere. Un giorno incontra un piccolo cane abbandonato che viene inseguito da altri cani randagi e lo salva, nonostante venga morso e perda le mutande! Si rifugia poi in una locanda dove incontra una ragazza povera come lui, che lì si esibisce come cantante; i due si siedono ad un tavolo per conoscersi, ma, non potendo ordinare nulla perché squattrinato, Charlot viene cacciato fuori.
Ritornando alla discarica, il cane trova un portafogli rubato, nascosto precedentemente da due ladri, che l’avevano sottratto a un ricco signore ubriaco.
Chaplin torna alla locanda, e dopo altre peripezie e gag divertentissime, propone alla ragazza di vivere con lui, il cane e i suoi cuccioli, una vita migliore in campagna. Così si conclude il film.

Charlie Chaplin, oltre ad essere attore protagonista, ricopre anche il ruolo di sceneggiatore, dirige e partecipa al montaggo del film del quale scrive la colonna sonora.
Dato che nel 1918 siamo ancora agli albori del cinema, il film è muto e le vicende sono accompagnate da una semplice colonna sonora, mentre il ritmo di girata è molto veloce (il che rende le scene notevolmente più divertenti).

Nella commedia, il cui titolo originale è ” A dog’s life “, traspare molto il senso di drammaticità di Charlot: i suoi film, oltre che per far ridere, sono girati anche per far riflettere su alcuni aspetti della società dell’epoca. Ad esempio i poliziotti sono presenti in tutti i suoi film come denuncia per l’incapacità di distiguere tra chi ruba per fame da chi lo fa per arricchirsi a scapito di altri.

Charlot è un personaggio buffo e divertente, con la solita bombetta in testa, i pantaloni sformati, la giacchetta aderente e un numero di scarpe abbondante ma tramite lui Chaplin ci mostra la vita di uno dei tanti poveri del dopoguerra costretto a vivere di espedienti nei bassifondi di una città americana. Egli riesce perfettamente a calarsi nel personaggio e grazie alla sua mimica facciale strappa un sorriso con gesti semplici e puliti e senza proferire parola.
Questo film è adatto sia ad un pubblico giovane che ad un pubblico adulto in quanto fa riflettere sulla povertà di un tempo ma è anche divertente; è “drammatico” ma si conclude in serenità e armonia.

Classe 1 A
A.S. 2012-13

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Invictus

Invictus è un film drammatico del 2009 diretto da Clint Eastwood. I protagonisti sono Morgan Freeman, che riveste i panni di Nelson Mandela, e Matt Damon, nel ruolo di François Pienaar.

La pellicola è ambientata in Sudafrica dopo la caduta del regime dell’apartheid, nel periodo in cui Nelson Mandela, appena uscito di prigione, si candida alla presidenza e vince le elezioni. Il film descrive il periodo immediatamente successivo all’elezione di Nelson, con scene riguardanti la carriera politica dello stesso e scene riguardanti la coppa di rugby del 1995.  Nelson capisce che per riunire le popolazioni del Sudafrica, i bianchi afrikaner e i neri, deve trovare una cosa che piaccia a entrambe le etnie e che faccia dimenticare loro i tempi dell’apartheid: la soluzione è il rugby. Rimodellando la squadra del Sudafrica di rugby, gli Springboks, e facendola partecipare alla coppa del mondo del 1995, Nelson Mandela riesce ad unire i neri ed i bianchi afrikaner.

Questo film insegna che anche i legami più impossibili possono diventare realtà.

Tommaso Grossi                                                                                                                   Matteo Cappello                                                                                                                  Luca Guidoni                                                                                                                       Ahlam Boulaadam                                                                                                               Maliha Munira

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...