Una giornata allo School Maker Day… e siamo arrivati alle stelle!

Feedback degli studenti su Linoit.com

Il 6 maggio 2017 il nostro “viaggio galattico interdisciplinare tra scienze, arte, italiano e tecnologia” è giunto a destinazione: le costellazioni-circuito, con i loro miti, e la loro guida speciale, il modulo spaziale programmato dagli studenti, sono “atterrate” all’Opificio Golinelli per la manifestazione “School maker day”.
E’ stata una meravigliosa esperienza sia dal punto di vista tecnico sia dal lato didattico, con grande soddisfazione di noi insegnanti e dei ragazzi, come testimoniano le loro riflessioni (clicca sull’immagine per leggere tutti i feedback):

Feedback degli studenti su Linoit.com
Claudia Zardini, Rosa Maria Caffio e Giovanna Pace
GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

“Per aspera ad astra…e infine uscimmo a riveder le stelle”

In classe le professoresse ci hanno proposto, come argomento di scienze, un progetto riguardante le costellazioni. Il progetto “Per aspera ad astra… e infine uscimmo a riveder le stelle”, che coinvolge arte-scienza-tecnologia-italiano è partito dalla proposta di riflettere sul tema annuale dei Giochi di lettura d’istituto C-Lab13: la linea.

L’uomo ha sempre osservato la volta celeste immaginando di unire con linee geometriche le stelle, per poi crearne disegni fantastici. La linea vista con ‘l’occhio scientifico’ è un disegno più concreto e vista con ‘l’occhio artistico’ rende l’immagine più viva.

Il lavoro, svolto a gruppi, è stato diviso in due parti: la prima parte consisteva nella raccolta delle informazioni sulle stelle e la scelta di una costellazione (nel nostro caso Perseo e Sagittario) con il relativo mito. Inoltre, in riferimento alla costellazione scelta, si doveva scegliere una frase, riguardante le stelle, di un illustre matematico o fisico e creare una poesia. E’ stato molto affascinante approfondire questo tema. Abbiamo inoltre scoperto che anche il cielo ha una sua storia.  

Una volta raccolti tutti questi dati li abbiamo riportati in una presentazione digitale.

Raccolta delle presentazioni in un Padlet

Il progetto ha compreso varie materie, dalla scienza all’arte e dalla tecnologia alla letteratura.

La seconda parte del lavoro è stata pratica, dopo aver realizzato in aula d’arte i pannelli raffiguranti le nostre costellazioni, li abbiamo dotati di un circuito elettrico nel quale ogni lucina (led) corrispondeva ad una stella.File_000IMG_4342IMG_4371IMG_4370

Contemporaneamente abbiamo costruito e programmato degli Mbot e Lego EV3.IMG_2146IMG_4355 (1)

Gli Mbot e Lego EV3 sono robot programmati con le rispettive applicazioni che si collegano a computer o dispositivi tramite Bluetooth.IMG_2451

Una volta finiti i pannelli e la programmazione dei robot faremo accendere dai robot tutti i led del circuito fino ad illuminare tutte le costellazioni e creare una volta celeste.

Questo progetto è stato molto interessante, ci ha permesso di scoprire “il mondo” delle stelle e delle costellazioni, di imparare tecniche artistiche, artigianali e scientifiche, di lavorare insieme a compagni, con cui magari non condividiamo del tutto le nostre idee; grazie a questo lavoro abbiamo capito che ascoltare il pensiero degli altri è fondamentale per far funzionare in modo efficace un gruppo e per realizzare un qualcosa di molto complesso…Per aspera ad astra!

IMG_4411

La classe 3A

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

La 3A al Festival della cultura tecnica

 

Il 28 ottobre 2016 ci siamo recati a Bologna, presso il Palazzo Re Enzo per il Festival della cultura tecnica.IMG_1844

Erano illustrati progetti e iniziative presentati da studenti di vari istituti: robot e droni, computer e stampanti 3D, macchine matematiche, dimostrazioni scientifiche e laboratori artigianali.

20161028_113506

IMG-20161028-WA0057

Tra questi, quello che ci ha particolarmente colpito è stato il laboratorio “Buco nell’acqua” dell’Istituto Tecnico Industriale Statale Belluzzi. Un simpaticissimo professore di fisica, con esperimenti sull’acqua e sulla pressione dell’aria in una bottiglia, ci ha spiegato concetti che hanno stimolato la nostra curiosità.

Gli studenti ci hanno presentato le scuole da loro frequentate, è stata un’occasione per conoscere gli indirizzi proposti dagli istituti superiori.

Questa esperienza è stata davvero interessante, abbiamo scoperto moltissime idee e progetti  per coniugare il fare e il pensare.

(di Giulia Gnudi, Matilde Melli, Elena Giacomini, Francesca Nobili e Margherita Bernardini)

2016-10-31 12.53.26

2016-10-31 12.32.00Noi ragazze siamo state colpite dalla presentazione dei lavori svolti dagli studenti dell’Istituto Superiore Rubbiani, dipartimento moda. Hanno realizzato degli abiti che si illuminavano con delle lucine, hanno ideato dei bozzetti e cucito gli abiti e poi hanno creato un sistema elettrico che accendendosi illuminava l’abito con tante piccole luci colorate.

Realizzato da: Amel Amiri, Giulia di Lauro, Michela Monti, Elena Orlandi, Giulia Serra, Cristina Tolici

L’attenzione del nostro gruppo è stata subito attirata da prototipi di aerei, elicotteri e da innumerevoli droni. Molto coinvolgente è stato il volo virtuale effettuato con un B-K14 in scala e un quadricopter.IMG_1850

Ma il progetto più interessante è stato l‘impressionante lavoro svolto da un ex alunno dell’Istituto Superiore dei Salesiani, più precisamente della sezione di meccatronica e progettazione macchine autosufficienti.IMG_20161028_115357[1] Il ragazzo ha interamente progettato e costruito una macchina capace di distinguere automaticamente 3 differenti colori e di spostare oggetti blu, verdi o rossi in tre zone differenti. Questa formidabile invenzione è stata costruita con più di 10.000 Lego® e in più di due anni e mezzo.

La macchina è composta da una scheda madre Arduino da lui adattata e collegata a due sensori di colore, vari rulli per fare scorrere l’oggetto alle varie sezioni, bracci meccanici che si aprono utilizzando ruote dentate e che spostano gli oggetti colorati fino alla destinazione. Tutto questo ovviamente durante l’anno scolastico, quindi combinato allo studio. (Federico Cumoli, Riccardo Gheradi, Matteo Bagnolini)

Il Festival resterà aperto con numerose iniziative fino al 19 dicembre 2016, invitiamo tutti gli studenti del nostro istituto a vivere questa stimolante esperienza.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...