Il Resto del Carlino: un po’ di storia

Il giorno 30 maggio 2017 siamo andati, per una un’uscita didattica al Resto del Carlino.
Il carlino era la moneta di tanti anni fa che valeva 10 centesimi. Quando andavi ad acquistare un sigaro che costava 8 centesimi, ti dovevano dare il resto di 2 oppure potevi decidere di comprare, con quel resto, il giornale ed è per questo che si chiama Resto del Carlino.
È stata un’esperienza fantastica che non dimenticheremo mai!!!

Gaia Colla e Chiara Baesi 5° A modulo

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Visita al Resto del Carlino

Il giorno 30/5/2017 con la mia classe sono andato al Resto del Carlino.
Il dottor Leoni prima di accompagnarci dentro l’edificio, ha proposto di farci la foto: foto che il giorno dopo avremmo vista sul giornale! Avevamo il sole in faccia e quindi abbiamo dovuto vivere le dodici fatiche di Ercole per tenere gli occhi aperti. Siamo entrati attraverso un corridoio tappezzato di giornali antichi e importanti. Siamo poi entrati in un’aula dove c’era un lungo tavolo in cui ci siamo seduti. Il dottor Leoni ci ha spiegato come funzionava il giornale e il mestiere che svolgeva: l’inviato speciale.
Nonostante questo ci ha voluto far vedere un video molto illuminante. Il Leoni mi è sembrato una persona molto fiera, buona e simpatica, ma anche con esperienza e rigidità. Finito il video siamo andati tra i corridoi pieni di giornali anch’essi molto antichi ma con informazioni interessanti. In redazione abbiamo visto tipografi e redattori al lavoro. Erano molto pochi perché non era “orario di punta“. Li abbiamo “interrogati”: uno prendeva le foto e gli articoli sportivi per la finale di Cardiff; prendeva le foto dei protagonisti: Ronaldo, Higuain, Dybala, Buffon ecc… gli altri si occupavano di omicidi, altri dei comuni di Bologna, altri ancora degli eventi che sarebbero successi a qualche giorno dopo. C’erano anche ragazzi delle superiori che facevano prove per diventare giornalisti. Finita la visita siamo usciti e siamo andati all’interno della rotatoria, ma abbiamo potuto vedere solo quelle che producevano pubblicità perché i giornali li stampavano solo di sera. Il dottore ci ha regalato una lastra che era come una malacopia. Era incisa con il laser. Infine siamo tornati dentro al Resto del Carlino e il dottor Leoni ci ha regalato bellissimi presenti.
Alessandro Becca 5° A modulo

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Festa della scuola

Domani ci sarà la festa della scuola dove faremo cose divertenti. Dato che siamo in quinta sarà la nostra ultima festa della scuola tutti insieme perché l’anno prossimo andremo in prima media e saremo in classi diverse. Sarà una giornata fantastica: faremo recite,canteremo sulla collinette e passeremo una giornata unica! Domani sarà come racchiudere tutti e 5 gli anni passati in compagnia e in felicità!!! Ma il nostro legame durerà per sempre e durante questi anni si è rafforzato molto e ci definiamo una Grande famiglia!!!!!
Giulia Marata,Sofia Carati,Dua Abasi , Anna Sofia Cantelmo

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Gita a Roma: pensieri personali

Con la mia classe sono andato a Roma. Avevo già visitato molte città, ma soltanto in un giorno e per Roma ce ne erano ben tre… così pensavo di poterla visitare molto tranquillamente. Ma mi sbagliavo di grosso!
Roma è una città immensa che bisognerebbe visitare con calma non basterebbe nemmeno una settimana. Dei Musei Vaticani abbiamo visto una minima parte molto in fretta invece io avrei voluto soffermarmi molto di più su tutte le opere.
Comunque quello che ho visto era stupefacente ma vorrei tornarci per ammirarli meglio. La Cappella Sistina era fatta quasi unicamente da dipinti magici. La Basilica di San Pietro mi ha dato una sensazione colossale e mi sentivo piccolissimo. Un’emozione grandissima è stata quando ho visto il Papa. Pensare di essere a pochi centimetri da una persona che normalmente puoi vedere solo in tv era effervescente ma allo stesso tempo sembrava una persona normale. La predica è stata molto coinvolgente ma lo sarebbe stata di più se non si fosse ripetuta moltissime volte in altre lingue. Ma il modo di spiegare del Papa era bellissimo!
Quando Il Papa ha finito, qualche persona tra cui me compreso è andata a rinfrescarsi. Lì ho visto la mia vecchia amica della materna di nome Alice e ci siamo scambiati due parole: mi è sembrato di fare un tuffo nel tempo; era rimasta sempre uguale. Poi siamo tornati dalla nostra classe accompagnati da alcune maestre. Ci siamo seduti all’ombra per riposare. Poche ore dopo siamo arrivati all’ Anfiteatro Flavio detto anche il Colosseo. Era il doppio di quello che immaginavo: come dice il suo nome era colossale! Il contesto poi era bellissimo, circondato da ulivi e con dietro l’arco di Trionfo.
Siamo tornati in albergo con il l’autobus aperto e molte persone si sono addirittura addormentate. Il giorno dopo ci siamo svegliati tutti un po’ tristi perché sapevamo che la gita era agli sgoccioli. Siamo andati alle Terme di Diocleziano dove si trovavano molti reperti emersi dagli scavi. Nel ritorno a Bologna ci siamo divertiti in treno perché abbiamo scherzato e giocato. Quando il treno è arrivato a Bologna i genitori ci hanno fatto un applauso e io mi sono sentito molto imbarazzato ma anche molto felice. Mentre ero in macchina però ho sentito un velo di tristezza avvolgere il mio cuore. Ma per fortuna la felicità ha scacciato il velo e della gita mi è rimasto il ricordo unico della felicità.
Alessandro Becca 5^A modulo

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Viaggio di istruzione con sorpresa!

Dal 16 al 19 maggio ci attendevano giorni fantastici: la nostra gita!
Dalla stazione di Bologna abbiamo preso il treno: destinazione Roma. giunti nella Capitale abbiamo pranzato e poi, dopo aver camminato molto, con sollievo siamo arrivati alla meta del giorno: i Musei Vaticani. Alla fine del giro siamo andati alla Cappella Sistina che ci ha un po’ delusi perché ce l’aspettavamo più bella. Siamo tornarti in albergo dove ci siamo sistemati e lavati per andare a cena; dopo cena siamo andati nelle nostre stanze e abbiamo un giocato un po’ e poi siamo andati a dormire.

Il giorno successivo ci siamo svegliati alle sei. Siamo andati a fare colazione e dopo ci siamo incamminati per andare all’udienza del Papa. Dopo aver pranzato siamo andati a Rocca Sant’Angelo, da lì siamo arrivati al Colosseo e i Fori Imperiali. Mentre percorrevamo quella strada abbiamo provato un’emozione unica
Oltre questo a noi è piaciuto molto anche prendere la metropolitana e l’autobus aperto.
Il terzo giorno siamo andati alle terme di Diocleziano dove abbiamo ammirato un giardino immenso con una fontana piena di pesci; era pieno di sculture che ci hanno incantati! Dopo aver camminato molto siamo arrivati alla Fontana di Trevi: ci è piaciuta in particolar modo la tradizione di lanciare la monetina con la mano sinistra sulla spalla destra e lanciare la monetina con la mano destra. Poi finalmente abbiamo pranzato al Mc’Donalds. Sfortunatamente abbiamo dovuto raccogliere tutto e tornare in stazione per Bologna.
Questa avventura è stata memorabile perché l’abbiamo affrontata tutti insieme facendo anche nuove amicizie!!!
Sofia Carati, Gaia Colla, Giulia Marata e Dua Abbassi 5ª A modulo

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...