Le Proiezioni Ortogonali

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Le regole del disegno tecnico

Le ragazze della 1A hanno raccontato le “regole” che sono alla base del disegno tecnico apprese quest’anno.

 

 

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Lavorare in compresenza: CLIL

TECNOLOGIA – FRANCESE 

Gli alunni della 2A hanno sintetizzato in un video il lavoro svolto durante sei lezioni in compresenza delle insegnanti Gibboni e Romagnoli, usando il programma Windows Movie Maker.

La colonna sonora del video è stata realizzata da un’alunna durante le lezioni di musica del prof. Sparano, usando il programma Soundtrap.

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Bye bye Broadstairs

“Cara Broadstairs,

l’esperienza che abbiamo vissuto con te è stata formativa e significativa, ha arricchito particolarmente il nostro inglese e la nostra didattica.

E’ un dispiacere lasciare un posto  così bello! La sua storia, la sua gente, i suoi paesaggi, i suoi gabbiani …

20170409_233624

20170410_001834

20170410_085959

20170409_175514

ma portiamo una piccola parte di te con noi in Italia”:

  • proposte di attività didattiche
img-20170331-wa0000
Tavola fonetica
20170401_152124
Attività di scrittura

 

 

 

 

 

 

Indovina le parole
Indovina le parole
chunking
Imparare a fare le pause nel posto giusto.
problem-solving
Esercizio di problem solving

 

0071
Esercizi su linguaggio e contenuto in matematica.
0070
Esercizio per descrivere e spiegare la matematica
Il linguaggio della matematica
Il linguaggio della matematica

 

Organizzatori gragici: diagrammi
Organizzatori gragici: diagrammi
Esempio di spider diagram: Elettricità
Esempio di spider diagram: Elettricità

 

  • Testi da consultare

20170401_14454720170331_11271220170331_11262820170331_112612

  • Link

Stephen Krashen on Language Acquisition

Stephen Krashen’s Theory of Second Language Acquisition

ESL Information Gap Exercises

Mutual dictation

Funny Tongue Twisters

Project Work and CLIL

Teaching Mixed Ability Language Courses

Methodology: teaching mixed ability classes

Bloom’s Taxonomy

“Clilstore”:Teaching units for Content and Language Integrated Learning

onestopclil

risorse per insegnare Clil

British Council

  • La voglia di provare, di sperimentare il CLIL
learning-skills
“Noel ci ha fornito una griglia con le possibili attività da svolgere in classe e, dopo aver valutato quanto utilizziamo ciascuna di esse nelle nostre lezioni, abbiamo pensato ad esempi concreti per incrementare quelle che usiamo meno.”
  • La collaborazione con i colleghi
img-20170328-wa0000
Assieme alle nostre compagne di corso abbiamo pensato e sviluppato un esempio di progetto da svolgere in classe tramite CLIL; c’è stato un dibattito con scambio di idee e suggerimenti.
img-20170330-wa0013
Lavorare ad un progetto assieme è molto produttivo, la collaborazione tra docenti nella scuola e tra le scuole è una risorsa che arricchisce!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Il nostro certificato

20170331_122109

…..e tanti bei ricordi….

pano_20170331_191351

…BYE BYE BROADSTAIRS !

Claudia Zardini e Filomena Gibboni

 

 

 

 

 

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Inaspettato … Job shadowing

Esperienza fantastica!

Oggi Noel ha organizzato, appositamente per noi, una visita presso la scuola secondaria di Faversham.

20170329_233618

Abbey School è una tipica scuola inglese, situata in una cittadina vicino Canterbury, con un’utenza di livello medio. E’ strutturata come un college circondato da ampi spazi verdi, campi da gioco per attività fisiche, serre per lo studio della botanica, con molti padiglioni a destinazioni diverse: chimica, arte, falegnameria, sartoria, laboratori linguistici, informatici, di cucina, ecc.

Esterno della Abbey School.
Esterno della Abbey School.

Due studenti inglesi della Abbey School ci hanno poi fatto da “Cicerone” mostrandoci le aule e alcune attività  che si svolgono nella scuola.

Ambienti interni della Abbey School: laboratori e mensa.
Ambienti interni della Abbey School: laboratori e mensa.

Abbiamo avuto la grossa opportunità  di vedere in azione due docenti che adottano una metodologia CLIL per insegnare la lingua inglese agli stranieri, infatti gli alunni erano spagnoli in vacanza studio per una settimana.

La classe, formata da 31 alunni di 13-14 anni, è  stata divisa in due gruppi. Noi avevamo il compito di osservare le attività  svolte compilando una griglia fornitaci da Noel. L’attenzione era rivolta a riflettere sull’operato del docente: come gestisce la classe, quali materiali usa, il tipo di attività proposto, tecniche di correzione, le abilità  richieste e il raggiungimento o meno degli obiettivi.

20170329_09304420170329_104133 20170329_095848

Nel pomeriggio ci siamo confrontate sulle nostre osservazioni per focalizzare i punti essenziali in una “content CLIL class“?

1- Lo scopo della lezione: acquisizione di contenuti unitamente allo sviluppo delle quattro abilità  (listening, reading, writing and speaking). In questo caso i ragazzi dovevano prepararsi a visitare nel pomeriggio Canterbury, quindi dovevano imparare a conoscerla, ascoltando, leggendo, scrivendo e parlando in inglese.

20170330_233356
“Running dictation” associato a “fill in”

2- I materiali utilizzati: semplici e fruibili, come: “fill in“, storie “tagliate” in paragrafi da riordinare, immagini da associare a definizioni.

20170330_234319
Match pictures and words
20170330_160617
Jigsaw reading

3- Le attività devono essere di vario tipo, veloci e semplici da eseguire, che richiedono tempi brevi e poche ma precise regole, giochi di movimento e che fanno leva sulla competizione.

4- TTT e SSS ossia “teacher taking time” e “students taking time“. Questo aspetto è  molto importante per un insegnante e soprattutto per chi vuole utilizzare il metodo CLIL: il coinvolgimento degli alunni è  essenziale. Le relazioni che si possono instaurare in classe  sono su tre livelli: studente-alunno, studente-studente,  studenti-studenti. Ciò  a cui un insegnante deve mirare è rendere il più  possibile gli alunni protagonisti, pertanto il docente deve parlare poco, solo per dare informazioni  chiare e concise e gli alunni devono parlare molto.”

La giornata è stata molto proficua perché ci ha permesso di capire l’essenza del CLIL: “CLIL focuses on learning content in a foreign language, rather than learning the language itself”.

Claudia Zardini e Filomena Gibboni

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...